Wine Tips

Concours Mondial de Bruxelles: Cantina Terzini da record con il Cerasuolo d’Abruzzo

Il Concours Mondial de Bruxelles è uno degli appuntamenti internazionali più importanti tra i concorsi sul vino. A maggio il concorso ha festeggiato i suoi 20 anni di vita. Questi venti anni di esperienza hanno permesso al concorso di diventare un importante riferimento tra le competizioni enologiche internazionali.
Il doppio riconoscimento ricevuto al Concours Mondial de Bruxelles è “una grande soddisfazione per la nostra cantina» – commentano i fratelli Domenico e Roberto Terzini, che con il padre Aldo sono alla guida dell’azienda di famiglia con sede in Tocco da Casauria, territorio naturalmente vocato ai vitigni tipici abruzzesi. Il premio rivelazione come miglior Rosato d’Italia 2021 e la Gran Medaglia d’Oro al nuovissimo concorso Rosè Selection sono la dimostrazione che la strada intrapresa fatta di rispetto per la terra, per i suoi tempi, di scrupolo nella fase di lavorazione e conservazione dell’uva è quella giusta. Un premio che ci riempie di orgoglio e che regala soddisfazioni immense alla nostra Cantina che da tre generazioni porta avanti una tradizione fatta di famiglia, amore e passione per il vino, rispettando ciò che la natura ci regala e ci permette di realizzare. I vini Terzini sono il frutto di una storia millenaria. Fanno della bellezza incontaminata del territorio in cui nascono, il loro punto di forza. Tradizioni uniche che formano il carattere vero, forte, deciso, del nostro nettare”.

Concours Mondial de Bruxelles

Il Concorso Mondiale di Bruxelles è, a nostro avviso, un evento di grande importanza. Il termine Mondiale ne sottolinea la dimensione, in quanto, non solo riunisce un elevato numero di vini provenienti da quasi ogni angolo del pianeta, ma alle aziende che riescono ad aggiudicarsi una medaglia, il Concours Mondial de Bruxelles offre la possibilità di poter apporre un bollino raffigurante la medaglia stessa su ciascuna bottiglia di quel vino, che diventa uno strumento di comunicazione molto utile e di immediata identificazione da parte del consumatore o dell’appassionato.
Un’esperienza unica in cui si respira aria del mondo. L’assaggio “alla cieca” di vini che provengono da ogni parte del mondo è un’esperienza sempre nuova ed affascinante!
L’ambizione del concorso è quella di offrire ai consumatori e gli amanti del vino la garanzia di distinguere vini di ineccepibile qualità, veri e propri piaceri di consumo e di degustazione provenienti da tutto il mondo.

La giuria

La giuria del Concours Mondial de Bruxelles si compone di degustatori, scrittori e critici, esporti del settore, per un totale di circa 300 degustatori provenienti da ogni nazionalità. Un campione cosi gremito e differente per garantire una maggiore obiettività nei risultati.

Il rigidissimo metodo di selezione

Il numero dei vini in gara sono stati 1000 per garantire un’ottimale degustazione di tutti i prodotti in gara, gli stessi degustatori del vino vengono precedentemente formati per accettarsi che la degustazione avvenga in modo corretto.
I vini che vengono premiati, tra cui il nostro Rosato Cantina Terzini, vengono sottoposti a un ulteriore analisi per garantire la piena soddisfazione del consumatore finale.

Concours Mondial de Bruxelles 2021: I risultati

Veniamo ora ai risultati, che hanno visto la nostra Cantina vantare ben due dei più importanti premi: la Gran Medaglia D’Oro e il Premio Rivelazione 2021.

Grande Medaglia D’Oro

Questo è stato il primo anno dell’evento Rosè Selection, un concorso che risponde al sempre costante e repentino aumento delle domande per quanto concerne il vino rosato.
Il concorso, quest’anno si sarebbe dovuto tenere proprio nella nostra fantastica regione, l’Abruzzo, ma purtroppo, a causa della Pandemia, è stato svolto a Bruxelles.
Data la difficoltà e la meticolosa ricerca, effettuata durante l’evento, che questo premio ci gratifica maggiormente.
Ed è proprio da questo evento che il nostro Rosè Terzini è stato riconosciuto vino d’ineccepibile qualità con l’assegnazione della Gran Medaglia D’Oro.

Premio Rivelazione 2021

Un secondo premio che ci ha regalato una grandissima soddisfazione è quello di essere stati premiati, sempre con il nostro Rosè, Vino Rosato più Buono D’Italia, una soddisfazione davvero unica.
Il nostro vino è stato scelto tra una lista di più di 1.000 vini, degustata in modalità “Lockdown” dato il momento che stiamo vivendo. Un traguardo che premia l’assoluta qualità del nostro vino Rosato, ma anche il fenomeno del vino Rosè in continua crescita.

Un Abruzzo di Premi

Il Cerasuolo d’Abruzzo, vino DOC prodotto nelle province di Chieti, L’Aquila, Pescara e Teramo, vanta un record molto particolare, aver spopolato al concorso Rosé del Concours Mondial de Bruxelles conquistando ben 16 medaglie.
Al Concours Mondial de Bruxelles a trionfare sono stati i vini made in Italy.
Dagli anni Duemila il Cerasuolo d’Abruzzo risulta ad oggi il vino DOC più premiato nella storia dei concorsi enologici internazionali; tra i motivi che lo hanno reso così popolare c’è l’appartenenza ad una delle zone più prestigiose insieme alla puglia per la produzione di vini rosa. Tra gli altri titoli riconosciuti ci sono quelli dei tre bicchieri assegnati da Gambero Rosso che premia il vino rosato abruzzese per il sapore bilanciato e caratteristico.
Il Cerasuolo d’Abruzzo è senza dubbio uno dei vini abruzzesi rosati più apprezzati provenienti dalla bacca nera Montepulciano che viene vinificata in bianco, con una macerazione piuttosto lunga che gli regala sfumature intense. Tra i motivi del successo che gli hanno fruttato i numerosi premi e riconoscimenti c’è quello di essere uno dei rosati più longevi al mondo grazie alla presenza di sostanze antiossidanti.

Alla scoperta del vino Cerasuolo d’Abruzzo Cantina Terzini

Con numerosi riconoscimenti si distingue tra i vini italiani il Cerasuolo d’Abruzzo Terzini, un vino DOC prodotto a Tocco da Casauria in provincia di Pescara. Con un colore limpido, rosa cerasuolo, fresco, consistente, persistente ed equilibrato e un odore fruttato con sentori di piccolo frutto rosso; il vino appartenente alla tipologia Montepulciano d’Abruzzo vanta un sapore secco e armonico dal caratteristico retrogusto leggermente mandorlato.
La storia di questo vino si intreccia spesso con quella del Montepulciano D’Abruzzo ma a differenziarli sono i loro metodi di produzione.
Il nostro Cerasuolo d’Abruzzo con i suoi 14 gradi alcolici nasce da uve con un grado zuccherino di circa 21,5 gradi Babo ovvero il quantitativo di zucchero naturale (zucchero dell’ uva e zucchero di frutta) contenuto nel mosto prima della sua fermentazione.

La successiva trasformazione durante la fermentazione da zuccheri ad alcool dona al vino in bottiglia la sua importante gradazione.
Una gradazione di 14 gradi è possibile grazie alla qualità del vigneto ma anche merito del processo di idratazione mirata e manuale dell’uva durante l’estate, la scelta dei migliori grappoli durante la fase di maturazione e soprattutto durante la vendemmia e la con la scelta finale del grappolo d’uva.
Ecco come nasce il nostro Cerasuolo d’Abruzzo DOC, un prodotto di altissima qualità.

Questa particolare tipologia di vino si abbina alla perfezione con piatti di pesce alla griglia, carni bianche e formaggi di media stagionatura grazie alla buona persistenza aromatica e al sapore piacevole donato anche dalla nota floreale che lo caratterizza.
Ci sono etichette indispensabili nella cantina di ogni appassionato: il Cerasuolo d’Abruzzo di cantina Terzini è una di quelle. Cantina Terzini: magia d’Abruzzo.